Crea sito

Limoncello di Sorrento Labadia

Tutto comincia dalle ricette di famiglia e dal Limone noto come Limone di Massa o “Massese (Cultivar Massese)” oppure come Ovale di Sorrento.

Il Limone di Sorrento I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) e’ coltivato in Penisola Sorrentina nel territorio dei comuni di: Massa Lubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento, Vico Equense, oltre che nei comuni di Capri ed Anacapri nell’isola di Capri.

L’indicazione Geografica Protetta (I.G.P.) e’ riservata solo ai limoni di Sorrento ottenuti in conformita’ ad un disciplinare di produzione.

Le caratteristiche di qualità del “Limone di Sorrento” IGP sono esaltate dalle particolari tecniche di produzione, ancora legate alla coltivazione delle piante sotto le famose “pagliarelle”, stuoie di paglia che vengono appoggiate a pali di sostegno di legno, solitamente di castagno, a copertura delle chiome degli alberi, al fine di proteggerli soprattutto dal freddo e dal vento e per conseguire anche un ritardo della maturazione dei frutti, che rappresenta uno dei principali elementi di tipicità di questa produzione.

Il Limoncello di Sorrento dev’essere prodotto con i Limoni di Sorrento igp e nelle zone riconosciute e descritte nel disciplinare.

Labadia ha sede a Caserta e Sorrento dove produce nel suo piccolo laboratorio artigianale il Limoncello di Sorrento.

Il Limoncello di Sorrento Labadia è molto interessante, in quanto oltre ad essere prodotto secondo il disciplinare, esprime la sua ricetta antica curata in ogni particolare di produzione.

Il colore è vivo, luminoso e giallo limone carico; all’olfatto è molto equilibrato, pravale l’agrumato sull’alcool; l’ho provato in diverse temperature di servizio per conoscerlo fino in fondo, anche se ghiacciato è perfetto, e mi ha colpito la facilità di beva, la voglia di ripetelo, la quantità di zucchero contenuta che non stanca e la piacevole sensazione vellutata dell’effetto caramella che lascia al palato.