Crea sito

Cantina Trodella: la mia visita in cantina

Cantina Trodella, Via Casale dei Monaci, Lapio (Av)

L’ingresso di Cantina Trodella, appena entri avverti subito di trovarti in una nuova realtà dalle tradizioni di una volta con un grande passato da conferitori d’uva. Una realtà in crescita che guarda lontano. Ad accogliermi Mario e Maria Luigia Trodella.
I vigneti di Mario Trodella hanno un fascino particolare, l’ho notato fin da subito; oltre ad estendersi per intere colline in modo terrazzato, come non a distinguere il loro punto di fine e confine; curati quasi fino alla perfezione, in modo maniacale e con amore e passione, quella tramandata dal Nonno di Mario.
Aree pic nic, percorsi a cavallo, escursioni e vita in vigna, le attività che d’estate si possono vivere da Cantina Trodella. Eventi e attività turistiche per la valorizzazione del Fiano di Avellino, l’Irpinia Aglianico e l’olio del cultivar Ravece, i pilastri di un’azienda con un grandissimo potenziale produttivo ed un’ottima partenza e debutto sul mercato, quello che ho confermato dal primo mio approccio con le loro opere d’arte. Questa sarà la loro seconda annata, quella di riconferma all’ottimo lavoro svolto con la 2019, la voglia di produrre il loro vino, senza conferire le uve, un regalo al Nonno di Mario che ha dedicato una vita a questo territorio.
La mia curiosità mi porta a voler toccare tutto, anche perchè vivendo in città non è sempre facile trovare posti così unici dove poter sentire la libertà e il contatto con la natura. Poi Lapio è un posto magico che ho scelto di voler conoscere in ogni suo angolo, qui mi sento come a casa.
Dopo la lunga visita al Terroir di Trodella andiamo nella tavernetta per la degustazione. Avevo già provato le loro prime annate, ne ero rimasto veramente colpito fino a voler vivere la loro realtà fino in fondo. Abbiamo degustato il Fiano di Avellino DOCG 2019, l’Irpinia Aglianico DOC 2019 e l’olio di cultivar Ravece con pane casereccio, salame e salumi locali. È tutto ancora più bello, più entusiasmante, degustare le loro opere d’arte dove nascono.